Il mondo della mobilità elettrica assimila al suo interno un eterogeneità di prodotti: dalle auto elettriche agli Hoverboard, passando per le Biciclette Elettriche a pedalata assistita, si possono contare oggi numerose tipologie di mezzi di trasporto fondati sullo sfruttamento dell’energia elettrica. In questo articolo spieghiamo cosa sono e soprattutto come funzionano le Biciclette Elettriche.

COSA SONO E COME FUNZIONANO LE E-BIKE: SFATIAMO QUALCHE MITO

Le problematiche ambientali stanno puntando sempre più l’attenzione su nuove forme di trasporto sostenibile, come la mobilità elettrica: sempre più aziende stanno investendo in questa nicchia di mercato che, per quanto possa essere piccola, sta riscuotendo un consenso sempre più vorticoso. Tra le miriadi di mezzi di trasporto fondati sull’utilizzo dell’elettricità stanno spopolando due mezzi in particolare: le E-bike e le Biciclette Elettriche.

Le E-Bike sono equipaggiate con motore elettrico (dotato di batterie a litio) che, per conformità di legge, non deve avere una potenza nominale di 250 Watt e dunque permettere di raggiungere una velocità massima di 25 Km/h. La particolarità di questi mezzi risiede nel fatto che il motore si attiva esclusivamente quando si pedala, fornendo dunque un “ausilio” alla pedalata: tutti i motori montati sulle e-bike vengono controllati da una centralina che, monitorando costantemente il livello della pedalata e il livello di assistenza preimpostato, varia l’apporto dell’ausilio riducendo o incrementando “l’aiuto” fino ad una velocità massima di 25 km/h.

Le Biciclette Elettriche utilizzano un’altra modalità di sfruttamento del motore: essendo provviste di un apposito “acceleratore” possono sfruttare la forza del motore in modo completamente indipendente rispetto alla pedalata; fattore distintivo di estrema importanza rispetto alle e-bike. Non è un caso infatti che l’articolo 50 del Codice della Strada qualifichi questi mezzi come Ciclomotori.

La vorticosa crescita della mobilità elettrica, relativa soprattutto a questi due mezzi di trasporto è confermata anche dal numero sempre maggiore di aziende che investono in questa “nicchia di mercato”: in Italia nel 2017 sono state vendute quasi 150 mila E-Bike, registrando un incremento del 19% rispetto all’anno precedente.

Ad EICMA 2018 il presidente di Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori) Andre dell’Orto affermava: “la mobilità a pedalata assistita è ormai una realtà a livello mondiale e anche le nostre imprese concorrono ad essere protagoniste in questo ambito, non solo nella produzione, che nel 2017 è cresciuta del 48% ma anche in tutta la filiera in termini di componentistica, progettazione, design e brevetti”. 

Ora manca solo un po’ di forza di volontà per cambiare le nostre abitudini e il gioco è fatto! 

Scopri le nostre E-Bike